lunedì 1 giugno 2015

SmokeStyle

Fumare fa male ma non è sempre facile riuscire a non farlo: a volte per vizio, a volte per vera dipendenza (così dicono) e a volte semplicemente perché piace.
Per alcuni fumare è come una passione, uno spazio di tempo per se stessi, cinque minuti di pausa e di respiro intenso… anche se, ok, non proprio salutare.
Paolo, laureato in Scienze della Comunicazione, oltre a essere grafico e web design è anche autore di SmokeStyle, un blog che ruota attorno al mondo del tabacco.
Una scelta azzardata e allo stesso tempo molto coraggiosa, perché il rischio che il proprio blog venga visto come un incitamento al fumo e quindi all’utilizzo dei prodotti correlati è dietro l’angolo, ma Paolo appena può mette le cose in chiaro scrivendo, ad esempio, nel suo disclamer che il blog “è consapevole dei danni provocati dal fumo e non intende incoraggiarne l'uso ma solo fornire utili informazioni a fumatori consapevoli. Pertanto smokestyle.org si rivolge a soggetti adulti e responsabili”.
Continuo ad essere scettica sulla mission ma Paolo continua spiegando che “per quanto il blog sia indirizzato a persone maggiorenni e fumatori consapevoli, i miei articoli non hanno mai avuto l'intento di incoraggiare al fumo, al contrario, ho scritto diversi articoli proprio contro il fumo e in diverse occasioni non manco di informare e ribadire più volte i danni che esso causa. Al contempo però, penso che l'informazione debba essere anche utile al lettore che con la propria testa deve soddisfare la sua sete di conoscenza e decidere autonomamente cosa fare e cosa non fare”.
Fumare o non fumare, non è questo il punto, non ora. Il blogging esiste e dura a prescindere dall’argomento, perché quello che conta è come fai blogging e non sempre le cose che dici. Non sempre.
Infatti, come per i beauty o i food blog, Paolo ha pensato di avviare una serie di recensioni di accessori correlati al tabacco, che sta avendo molto successo, visto che alcune aziende italiane del settore si appoggiano a Paolo per avere un giudizio e, perché no, far conoscere i loro prodotti agli utenti e magari  - tramite il forum - reperire anche le loro impressioni. E il giro si allarga.
Bene Paolo, nonostante la voce rauca e i denti scuri, credo che i tuoi lettori ti debbano un grazie per le informazioni che altrimenti non troverebbero così facilmente tutte insieme in un solo posto!



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...