sabato 17 gennaio 2015

memorie di una Vagina

Il web la descrive come una ragazza simpatica con il talento per la scrittura, precaria in amore alle prese con una città, Milano, che l'ha adottata per via del lavoro, una esibizionista che parla di sesso e che pubblica foto un po' così su Instagram e Facebook, una pseudo Bridget Jones o nel peggiore dei casi una Carrie Bradshaw. Io non le sopporto le recensioni che devono chiudersi col dare un'etichetta, negativa o positiva che sia. Specie in questo caso.
memoriediunavagina è il blog di una ragazza di Taranto che vive e lavora a Milano, ha degli amici, delle storie, qualche sera esce e qualche sera sta a casa, per le vacanze va a trovare i parenti al sud, le piace mangiare e vestirsi bene.
Vagina è una ragazza comune, niente di straordinario, con una sola eccezione: un altissimo talento per la scrittura, capace di dilungarsi in spendidi monologhi sulle faccende di una di noi.
Quando ho scritto la prima volta sul blog ero in pigiama di pile viola sul divano di casa mia. Probabilmente avevo appena finito di mangiare un pacco di patatine Più Gusto e mi accingevo a fumare quattrocentotrentacinque sigarette, ascoltando Battisti in loop e piangendo a intermittenza. E non sto esagerando. Se dovessi dire cosa ha un funzionato, perché la gente ha iniziato a leggere e a seguire il blog, ti direi per l'empatia creata con la Vagina. Perché non c'è troppa fiction. E perché parlo delle miserie e degli orgogli di essere una donna imperfetta. E il mondo è grazie a dio pieno di donne imperfette. E normali. E straordinarie”.
Questo blog è come una scatola piena di parole assemblate in maniera perfetta, ogni singolo post riesce ad avere un'anima profonda e solida, piena di valori e di speranza, oltre che di uno spiccato senso dell'umorismo.
Non so dire se il successo di questo blog nasca dal titolo accattivante, ironico e provocatorio o se tutta la sua luce derivi dalla capacità di questa ragazza di tessere storie e racconti semplici e grandiosi allo stesso tempo.
... E la storia della ragazza alla ricerca dell'amore “perfetto” la vedo solo come un piccolissimo contorno, il primo piatto è Vagina in carne e ossa, nelle sue giornate imperfette.


2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...